Derive spirituali

Nove mesi persi nell’oceano: la storia dei tre pescatori messicani partiti il 28 ottobre e ritrovati nei giorni scorsi ha fatto il giro del mondo.

Felici di essere tornati sulla terraferma, hanno attribuito la loro forza di resistenza (nove mesi alla deriva, a volte 15 giorni di fila senza cibo) alla fede: «Senza alcun contatto visivo con altri umani per mesi – scriveva mercoledì La Repubblica -, i naufraghi si sono affidati alla preghiera. “Non abbiamo mai perduto la nostra consapevolezza dell’esistenza di Dio – ha aggiunto Vidaña – Uno di noi aveva la Bibbia, la leggevamo e pregavamo tutto il tempo assieme”».

Niente tv, giornali, telefono, Internet, passatempi: solo una Bibbia e il conforto della preghiera. Nove lunghi mesi senza distrazioni, in semplice ma piena comunione con Dio.

Chissà quanti cristiani, di fronte a una prospettiva simile, hanno sentito un brivido lungo la schiena.

—————————-

Analisi, commenti e riflessioni sui temi del momento nel programma musica&parole: dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 11 sulle frequenze di crc.fm.

Pubblicato il 18 agosto, 2006 su Uncategorized. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: