Turismo consapevole

Dopo l’uccisione della suora italiana in Somalia si parla nuovamente di cristiani perseguitati, e nella lista dei luoghi pericolosi, o comunque dove non è garantita la libertà, emergono paesi come Kenia, Egitto, Maldive. Ce ne sono anche altri, purtroppo, ma abbiamo voluto citare questi tre per un motivo specifico: sono mete comuni delle vacanze di noi occidentali.

Molti di noi restano colpiti e magari commossi dal discorso del prodotto “equo e solidale”; compresi nel ruolo di salvatori del mondo ritengono di dover fare qualcosa comprando il caffè dai contadini del Chiapas e usando la bicicletta per non inquinare l’ambiente, ma poi partono per viaggi di nozze e vacanze in paesi dove i cristiani sono perseguitati. Il “turismo consapevole” è anche scegliere responsabilmente se sostenere un paese che incarcera i nostri fratelli, o uno che concede la democrazia anche al di fuori dei villaggi turistici. Evitiamo di vivere un cristianesimo a compartimenti stagni.

—————————-

Analisi, commenti e riflessioni sui temi del momento nel programma musica&parole: dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 11 sulle frequenze di crc.fm.

Pubblicato il 18 settembre, 2006 su Uncategorized. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: