Il giusto atteggiamento

Il terremoto ad Haiti è all’ordine del giorno sui quotidiani, sui siti, nei telegiornali.

Una tragedia immane e ancora difficilmente quantificabile che ha visto scattare subito la solidarietà del mondo intero, rimasto scosso da un dramma che – riflette Gramellini sulla Stampa – si teme possa un giorno toccare anche a noi.


Di fronte a un dramma di questa portata c’è poco da dire: bisogna agire, pianificando gli interventi di soccorso e di recupero con lucidità ma senza indugio.

Dovrebbe essere la parola d’ordine, senza se e senza ma, per tutti i cristiani del mondo: in momenti come questi si misura la carità, la pietà, la fede che – scrive l’apostolo Giacomo – deve venire confermata dalle opere per non rischiare di limitarsi a un mero esercizio intellettuale.

Eppure, anche di fronte a un sisma di questa portata, c’è stato chi non si è saputo trattenere da qualche bordata millennarista. Pochi, grazie a Dio, ma sufficienti a imbarazzare il mondo cristiano con frasi che parlano con linguaggio profetico – ma, sarà il caso di ricordarlo, senza la potenza dei profeti – di “colpe” della popolazione: colpe che, oltretutto, suonano di carattere politico, più che spirituale. Infatti secondo i (tele)predicatori post-medievali non sarebbe stata – come nei testi biblici – la deriva pagana a provocare l’ira divina, ma “l’indipendenza dalla Francia”.

Si sa, i giornali si concentrano su ciò che fa notizia sorvolando sul resto: per questo vogliamo sperare che nelle parole di questi personaggi, dopo l’intemerata politico-profetica, sia comparso anche qualche accenno alla pietà cristiana, o qualche parola di conforto alle migliaia di orfani, alla popolazione confusa e provata. O magari un invito agli spettatori a dimostrare l’amore di Cristo nei confronti degli haitiani.

È semplice spiegare le cose attraverso la categoria della giustizia di Dio: è sufficiente fare leva su qualche generica mancanza, di cui la specie umana certo non difetta.

Molto più difficile, e forse troppo impegnativo per l’uomo contemporaneo, interpretare le vicende umane nei canoni della misericordia divina: tentando di accogliere, comprendere, sostenere, aiutare chi soffre. Che comprende anche il silenzio, quando ci manca una risposta adeguata e costruttiva.

Condannare è semplice, bastano le parole. L’amore, invece, richiede fatti. Forse per questo tendiamo naturalmente verso il primo atteggiamento, mentre la Bibbia ci incoraggia caldamente verso il secondo.

Annunci

Pubblicato il 15 gennaio, 2010, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: