Generosità a termine

“Italiani generosi, ma meno di prima“: un’indagine del Corriere segnala come sia calata da parte dei privati la disponibilità a sostenere associazioni benefiche.

A risentirne di più sono state le realtà che si occupano di sanità e di ricerca scientifica, che hanno subito anche il contraccolpo di una minore generosità da parte di aziende e fondazioni.

Non che manchi l’interesse per il bene altrui: 9 milioni e 200 mila contribuenti, nel 2008, hanno destinato il loro cinque per mille alle onlus convenzionate con lo Stato, e in particolare alle realtà coinvolte nel sociale (ai primi posti Medici senza Frontiere, Emergency, Unicef).

Qualcuno commenterà che è facile essere munifici con soldi che comunque non sono più nostri, e in effetti il 5 per mille rappresenta un caso di beneficenza per il risultato, più che per l’impegno: una generosità a costo zero, molto diversa da una donazione o da un sostegno regolare, che è l’obiettivo ultimo di ogni struttura impegnata al servizio degli altri.

Tanto che gli addetti ai lavori lanciano un appello: «il volontariato deve avere certezze», e specie in certi ambiti le organizzazioni «non possono basarsi sulla generosità una tantum»

Spesso ci lasciamo commuovere dal dramma del momento, e non siamo in grado di esercitare la costanza di un’azione responsabile. Eppure è proprio quell’impegno regolare a risultare essenziale per chi si occupa degli altri: si tratti di un orfanotrofio, di una missione, di una mensa per indigenti, di un sostegno per bambini difficili, di un consultorio o altro ancora.

Forse, anzi, è proprio sulla lunga distanza che si misura la maturità di un cristiano, che è capace di venire incontro alle emergenze ma allo stesso tempo è consapevole che questo sforzo immediato non basta, né esonera da un impegno regolare per cambiare, aiutare, salvare quel mondo di cui, come cristiani, non possiamo ignorare il grido d’aiuto.

Annunci

Pubblicato il 22 marzo, 2010, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: