La festa dell’onestà

Il caso di Simone Farina, calciatore che rifiutò di vendere una partita – e la propria dignità – al racket degli incontri truccati, continua a far discutere per uno sviluppo imprevisto ma edificante che, visto il periodo, potremmo forse definire “natalizio”.

Il ct della nazionale italiana, Cesare Prandelli, che da sempre predica l’importanza di un codice etico sui campi di calcio, ha convocato Farina per la prossima partita della Nazionale, come riconoscimento per il suo comportamento esemplare. Al di là del tasso tecnico, si tratta sicuramente di un bel gesto per un buon esempio: e a chi ironizza sulla vicenda, ricordiamo che se anche i banchieri di Wall Street (e i politici di Roma) avessero dato una risposta diversa alla domanda «meglio un manager onesto, o uno che ci fa guadagnare miliardi?», forse oggi vivremmo tutti meglio.

La storia, come accennavamo, assume un sapore ancor più dickensiano per la sua prossimità alle festività di fine anno. Come rileva Marco Ansaldo sulla Stampa, «la storia di Natale è servita. Calda, dignitosa, commovente».

Come in tutte le storie raccontate dal grande narratore inglese dell’Ottocento, però, anche questa «suscita una riflessione amara. Ci siamo talmente rassegnati al marciume e all’intrallazzo – riflette Ansaldo -, che ci sembra un eroe chi esegue il proprio dovere».

Vero, purtroppo: in un’epoca degradata anche la normalità si tinge di eroismo. In un mondo ideale non avremmo bisogno di eroi. Nel mondo reale, però, ben vengano. Nella speranza che dalla banalità del bene scaturisca – prima possibile, per favore – un’inversione di tendenza generalizzata, capace di restituire i comportamenti ordinari alla loro quotidianità, e di chiamare nuovamente “bene” e “male” con il loro nome.

Come cristiani, Bibbia alla mano, dovrebbe essere una nostra priorità. Anzi, dovremmo essere noi stessi a segnare il percorso, suggerire, indirizzare, formare, sensibilizzare la società verso quel “bene” che abbiamo sperimentato nella nostra anima e nella nostra vita. Non solo a natale, ma anche a natale.

Perché il natale passa, certo, ma ha il pregio – specie in tempi di crisi – di rendere le persone più attente alle questioni di fede, all’importanza di vivere una spiritualità che non sia (solo) tradizione ma l’esperienza di una relazione viva e costante con Dio. Con quel Dio che è venuto al mondo, ha camminato tra noi, ha insegnato, ha sofferto, è morto. Ed è risorto, donandoci la vita e offrendo un senso alla vita.

Non è successo il 25 dicembre, ma è successo. Ogni occasione per ricordarlo, ribadirlo, predicarlo a una società affamata di speranza dovrebbe essere benvenuta.

Annunci

Pubblicato il 23 dicembre, 2011 su editoriali. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 1 Commento.

  1. “Beato quel popolo che non ha bisogno di eroi” (B. Brecht)
    Ho sempre pensato che il vero eroe non è colui che in uno slancio di generosità ed altruismo compie qualche gesto lodevole, ma è colui che tutti i santi girni fa, o non fa, tante piccole cose che danno un sapore diverso alla sua vita, e di riflesso anche a quella di chi gli sta intorno.
    Fare il proprio dovere anche quando nessuno lo nota e nessuno ti loda, farlo anche quando per farlo passi da scemo, o peggio passi pure qualche guaio.
    Di questo genere di eroi il mondo ha bisogno.
    Naturalmente le buone nuove fanno sempre piacere, fa piacere sentire che qualcuno non si è fatto comprare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: