Secondi fini

Il comune pensa di tassare le attività commerciali gestite dalle comunità religiose cittadine, e le chiese indignate chiudono per protesta: succede a Gerusalemme, dove lo scorso fine settimana il Santo Sepolcro è rimasto chiuso contro l’ipotesi di sospendere l’esenzione delle tasse sulle pertinenze (non sui locali di culto) delle chiese cittadine. Il patriarca greco ortodosso e il suo omologo armeno hanno denunciato “una campagna sistematica di Israele volta a danneggiare la comunità cristiana”, scomodando peraltro esempi storici decisamente fuori scala. La questione si è risolta mercoledì: di fronte al passo indietro del Parlamento israeliano, i responsabili delle chiese hanno annunciato che la Chiesa del Santo Sepolcro riaprirà a breve.

A quanto pare, dunque, la sfida non sfiorava la libertà religiosa né influenzava l’autodeterminazione delle confessioni religiose, ma era solo una questione economica: non il modo migliore per promuovere il messaggio di cui le comunità in questione si considerano testimoni.

Annunci

Pubblicato il 1 marzo, 2018 su guida alla settimana. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: