Il tramonto di un’epoca

Le elezioni politiche si sono rivelate un vero terremoto: oltre la metà dei votanti ha scelto il cambiamento – se non proprio la protesta – confermando così i sentori della vigilia. Un ribaltone che sembra ricalcato sulle dinamiche da reality show, dove la comunicazione efficace fa premio sulle competenze e le eliminazioni penalizzano chi non ha saputo raccontare, convincere, far sognare. Forse non si poteva sperare andasse diversamente, dopo una campagna elettorale senza contenuti; o forse il responso è il frutto di un approccio social alla politica, in una ritrovata, ancorché anomala, dinamica orizzontale che permette a tutti di esprimere le proprie opinioni politiche o pre-politiche, spesso senza contraddittorio e condite da insulti (ma evidentemente è il prezzo da pagare all’agorà telematica). Se, nel bene o nel male, ci stiamo avviando verso una nuova democrazia diretta – come sarebbe piaciuto a Gianroberto Casaleggio – avremo tempo di scoprirlo; per ora si registra uno stravolgimento nel modo di intendere la rappresentanza e, si parva licet, il senso di comunità.

Il tramonto di una fase politica, infatti, è anche l’occasione per riflettere sull’estinzione di un modo di vedere la società: sono scomparsi, rileva Pierluigi Battista sul Corriere, i corpi intermedi come i partiti, le cooperative, i sindacati, le banche popolari, tutti gli elementi che creavano coesione ed erano fondamentali per tenere in vita il tessuto sociale. La disintermediazione li ha lasciati dietro di sé, ma senza offrire altre soluzioni: oggi si fatica a percepire l’appartenenza a un corpo sociale, dalla famiglia in su. «C’è qualcosa di sbagliato nel modo con cui abbiamo concettualizzato l’ingresso nella tumultuosa post-modernità», conclude Battista. Volevamo sentirci liberi, e invece ci siamo ritrovati soli.

Annunci

Pubblicato il 7 marzo, 2018 su guida alla settimana. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: