Concorsi di colpa

Ha sollevato un certo allarme a Civitanova Marche il gesto di una donna che, dopo essere entrata in un bar, ha iniziato a declamare versetti della Bibbia. Qualcuno, forse un po’ troppo ansioso, ha temuto si trattasse di una terrorista e ha chiamato la Polizia, che con il suo intervento ha svelato l’arcano: la donna – una nigeriana incensurata e in regola con il permesso di soggiorno – semplicemente era solita usare questo sistema per diffondere la Bibbia.

Purtroppo, come spesso accade, gli equivoci nascono in concorso di colpa: se da un lato suona singolare che nessun avventore del bar abbia riconosciuto le parole delle Sacre Scritture – e tanto più sorprende che qualcuno le abbia addirittura scambiate per sure del Corano – dall’altro risulta improvvido il gesto di chi, evidentemente, allo zelo per la Bibbia dimentica di abbinare la conoscenza, se non altro la conoscenza degli usi e costumi del luogo in cui vive (e di un momento storico in cui un proclama fuori contesto può sollevare notevole preoccupazione).


Sei iscritto alla Guida alla settimana?

Annunci

Pubblicato il 30 giugno, 2018 su guida alla settimana. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: