Mezzo secolo senza Guareschi

Cinquant’anni fa, il 22 luglio 1968, moriva lo scrittore e giornalista Giovannino Guareschi, artista versatile che divenne noto al grande pubblico in particolare come autore della saga di Don Camillo e Peppone. Un lascito che ancora oggi fa riflettere: impossibile non provare una punta di malinconia di fronte al racconto divertito di un’Italia ormai perduta (citato come esempio anche da personaggi insospettabili), figlia di un tempo in cui le posizioni ideologiche si confrontavano in maniera determinata, ma alla fine sapevano trovare l’elasticità necessaria a garantire a tutti una convivenza dignitosa sotto lo stesso cielo.

All’Italia di oggi manca l’ironia di Guareschi, che danzava sull’immaginario senza mai scivolare nel sarcasmo o nella volgarità. Ma, forse, manca soprattutto l’umanità di Don Camillo e Peppone.


Sei iscritto alla Guida alla settimana?

Annunci

Pubblicato il 21 luglio, 2018 su guida alla settimana. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: